La Fondazione nasce nel novembre 2008. A costituirla, come fondatori, la Provincia e il Comune di Parma, oltre a 30 Comuni del parmense, un fatto unico nel panorama delle Fondazioni locali.

Fra gli altri fondatori, pubblici e privati, rientrano tutti coloro che negli ultimi quattro anni hanno fatto parte dell'Associazione per la Costituzione della Fondazione Andrea Borri che, sciogliendosi, ha consegnato la propria storia e il proprio patrimonio alla Fondazione.

La Fondazione non ha scopo di lucro e si propone di perseguire esclusivamente finalità di utilità pubblica nell’ambito dello studio, della ricerca e della formazione.

Tutto questo nel nome e nel ricordo di Andrea Borri, notaio, consigliere comunale, parlamentare, presidente della Commissione di Vigilanza Rai, presidente della Provincia di Parma.

La Fondazione intende mantenere vivi e divulgare il pensiero e l'azione culturale e politica di Andrea Borri promovendo studi, ricerche, dibattiti, seminari, convegni e altre iniziative in particolare sulle tematiche che, più di altre, hanno costituito oggetto della sua attività pubblica e scientifica: la comunicazione e il diritto all'informazione, la democrazia e la sua attuazione, la cooperazione internazionale, il fenomeno religioso, lo sviluppo del territorio parmense.

La Fondazione intende inoltre operare per rafforzare e qualificare la vocazione europea ed internazionale di Parma valorizzandone i rapporti con l’Europa e con il mondo.

La Fondazione si pone infine l’obiettivo di studiare opere, carte e scritti di Andrea Borri oltre a testimonianze orali e scritte che lo riguardano, nonché di promuovere, sostenere e realizzare ricerche biografiche sui vari momenti e i vari aspetti della sua vita, ricostruendone il pensiero politico e culturale.

Soci fondatori (visualizza l'elenco)

Vai all'inizio della pagina